Il bisonte europeo Il “peso massimo” della riserva

Meno massiccio del suo cugino americano, il Bisonte europeo resta il più grosso mammifero terrestre d’Europa: in media 800 chili di peso e un’altezza di 1,80 metri per un maschio adulto.

Pur essendo un peso massimo, il Bisonte europeo non assume però un atteggiamento di superiorità! La cinquantina di esemplari presenti all’interno della Riserva partecipa attivamente al rinnovo della biodiversità sia delle zone boschive che di quelle pianeggianti.

Un tempo a rischio di estinzione, il bisonte europeo torna oggi alla carica, soprattutto grazie al programma di scambio internazionale attivato in collaborazione con la Polonia al quale la Riserva dei Monts d’Azur partecipa attivamente con oltre 60 nascite dal 2008 e 22 giovani bisonti trasferiti in altre riserve di Francia, Olanda e Spagna.

Per saperne di più

Il cavallo di Przewalski Il carattere più selvaggio della riserva

Meglio non avvicinarsi mai a un Cavallo di Przewalski, ha un umore intrattabile. Morde e scalcia per un sì e per un no.

Alla Riserva, questa specie dal pessimo carattere affronta persino il bisonte, che pure è due volte più grande.

Ecco perché la leggenda vuole che questo cavallo non sia mai stato addomesticato dall’uomo. Non essendo mai stata sottoposta a selezione artificiale, si tratta della specie più vicina al cavallo preistorico.

La sua piccola statura (tra 1,30 e 1,40 al garrese) non gli impedisce di sfoggiare con fierezza, su un collo massiccio, una testa di grosse dimensioni. Le orecchie sono lunghe e gli occhi si trovano piuttosto in alto rispetto alla fronte piatta, perciò il suo sguardo risulta maggiormente rivolto verso il davanti di quello degli altri cavalli.

Per saperne di più

Il cervo reale re della foresta

Il Cervo, animale emblematico, per alcuni simbolo di potenza, per altri di nobiltà, è presente nelle foreste europee da 250 000 anni.

Il numero dei rappresentanti di questa specie ha subito numerose variazioni, oscillando al ritmo delle glaciazioni, ed è oggi stimato, in Francia, a circa 150 000 individui. Tuttavia, questo animale rimane difficile da osservare.

Il Cervo perde i palchi (nel linguaggio comune “corna”) ogni anno, alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, e sfoggia ogni estate un nuovo paio.

Per saperne di più

i piccoli ungulati altre meraviglie
della riserva

Scorpi le altre meraviglie della riserva : gli ungulati sono dei mammiferi erbivori dotati di dita ricoperte da un’unghia o da uno zoccolo.

Alcuni ungulati si caratterizzano per i palchi (spesso chiamati impropriamente corna), come il cervo, il capriolo o l’alce; altri presentano le vere e proprie corna, come il bisonte o il camoscio.

Questo straordinario ordine di mammiferi comprende i cavalli, i ruminanti e i suini, ma anche l’elefante e l’oritteropo!

All’interno della Riserva dei Monts d’Azur, rappresentanti dei piccoli ungulati sono il capriolo, il camoscio e il cinghiale.

Per saperne di più

gli uccelli principi dei cieli

La Riserva dei Monts d’Azur ospita anche una ricca varietà di uccelli che va dai passeriformi ai corvidi fino ai rapaci come l’aquila reale e l’avvoltoio, senza dimenticare gli uccelli acquatici come il cavaliere d’Italia, il piro-piro culbianco o ancora il tuffetto comune.

In tutto, più di 70 specie individuate, di cui una decina divenute estremamente rare.

Per saperne di più

i carnivori spiriti della foresta

All’interno della Riserva dei Monts d’Azur si svolge inoltre la vita di alcuni predatori carnivori quali la lince o il lupo, la cui popolazione è in crescita da qualche anno nella regione PACA (Provenza-Alpi-Costa Azzurra). Niente paura però! Questi prodi animali non si avvicinano all’uomo, e ciò li rende del resto difficili da osservare.

Non è invece raro intravedere qualche volpe in cerca di piccole prede da cacciare o ancora dei giovani tassi che si divertono a rotolarsi e a grugnire.

Per saperne di più
PrimaveraLa stagione delle nascite
Con una temperatura che torna su valori positivi, la neve fonde e gli animali selvaggi ritrovano condizioni di vita più favorevoli. Il clima più mite del mese di marzo e l’arrivo delle prime piogge favoriscono il risveglio della vegetazione. Gli animali possono accedere a nuove risorse alimentari. Le femmine sono allora in grado di produrre un latte di qualità, indispensabile alla crescita dei loro piccoli. Le condizioni sono ormai propizie per le nascite.
EstateUna vita calma e facile
Le piogge primaverili e l’arrivo del caldo favoriscono la crescita dei vegetali erbacei. L’epoca delle restrizioni appare lontana! In poche settimane, i prati bruciati dalla neve hanno lasciato il posto a vaste distese colorate ricche di una sfavillante diversità vegetale. Invadendo le verdi praterie, i fiori attirano una moltitudine d’insetti, piatto preferito degli uccelli e dei mammiferi insettivori. Persino le volpi sorvegliano da vicino grilli e cavallette… Hop! Un salto, un morso e il gioco è fatto!
AutunnoGli amori del cervo
I duellanti sono ormai pronti a sfidarsi nelle giostre amorose. Il pre-bramito comincia a inizio settembre dopo i temporali di fine agosto. In questo periodo, i branchi di cerve percorrono la Riserva fingendo di ignorare i preparativi dei loro futuri pretendenti. Con l’avanzare dell’autunno, il caldo intenso finisce del tutto. I primi bramiti risuonano rendendo le notti rumorose per i vicini ospiti dei lodge! Le cerve cominciano allora i loro balletti spostandosi da una parte all’altra in cerca dell’amato.
InvernoLa stagione della sopravvivenza
Da metà novembre, la fauna affamata raggiunge il sottobosco dove può trovare la vegetazione non consumata durante la bella stagione. Riesce a nutrirsi raschiando le ultime graminacee, anche secche, cercando i rari cespugli d’erba ancora esistenti oppure cogliendo i frutti della rosa canina e del biancospino. Oggi, quando gli inverni sono rigidi, è necessario nutrire la fauna selvaggia che non può più migrare, se non si la vuole veder sparire del tutto.

Prepara il tuo soggiorno da noi Vieni a vivere l’avventura

Venire alla riserva
Contattaci
Il ristorante
Il ristorante
NEI DINTORNI
Vivi altre avventure